Si sta utilizzando una versione di Internet explorer non supportata e pericolosa per motivi di sicurezza.
Aggiorna Internet Explorer o meglio utilizza Chrome/firefox!
 

Categoria: News


Cara Socia, Caro socio,

vi informo che sul sito SIN sono disponibili per tutti i soci in regola con il pagamento della quota associativa  

le video presentazioni del “58° Congresso Nazionale della Società Italiana di Nefrologia 

Link ai ai video

Stefano Bianchi
Segretario SIN

Share

Sul sito RIDT (clicca qui) sono disponibili le slides del report preliminare del Registro Italiano riferito ai dati 2015.

 

Maurizio Postorino
Coordinatore RIDT

Share

Cari Soci e Socie,

l’anno appena trascorso alla guida della SIN è stato ricco di impegni e florido di soddisfazioni. La nostra Società ha ricevuto sempre maggiori consensi ed apprezzamenti nel mondo scientifico nazionale ed internazionale e si è accreditata come unico soggetto rappresentativo della Nefrologia italiana presso tutti gli organi istituzionali nazionali e gli operatori, pubblici e privati, del settore.

Nonostante l’intenso lavoro sinora svolto, ci aspettano sfide ed impegni ancora maggiori nell’anno sociale che è in procinto di aprirsi e di essi discuteremo, con spirito collaborativo e fattivo, nel Congresso di Rimini della settimana prossima.

Al fine di poter affrontare gli impegni che ci attendono è imprescindibile che la SIN venga iscritta nell’Elenco delle Società Scientifiche e delle Associazioni tecnicoscientifiche delle professioni sanitarie contemplato dalla c.d. Legge Gelli, che sarà tenuto dal Ministero della Salute.

La SIN, infatti, potrà adottare le necessarie ed opportune raccomandazioni da contemplare in apposite e proprie Linee Guida, solo se sarà iscritta in tale Elenco. È, dunque, apparso evidente a tutti i Consiglieri della SIN il rilievo strategico che assume tale iscrizione sia per conservare il ruolo di primario riferimento assunto in questi anni dalla Società sia per poter orientare e supportare il mondo nefrologico in questa delicata ed importante fase di transizione.

Per tale ragione, quindi, si è reso necessario modificare ed integrare lo Statuto della Società al fine di adeguarlo alle prescrizioni della c.d. Legge Gelli (e del suo decreto attuativo), con lo scopo di incrementare le garanzie partecipative dei Soci, l’autonomia e l’indipendenza della Società, regolare i conflitti di interesse e individuare sistemi di verifica e controllo della qualità della produzione tecnico-scientifica della Società. Tali modifiche si rendono necessarie per conseguire l’iscrizione nell’Elenco ministeriale e di esse discuteremo liberamente nell’Assemblea straordinaria convocata per il 5 ottobre 2017, alle ore 18:00. 

Spero che ciascuno di voi partecipi a tale importante momento di condivisione democratica e rappresentativa con il consueto spirito collaborativo, al fine di offrire il proprio qualificato contributo per la crescita ed il progresso della nostra Società.

Allegato allo statuto (link) 
Allegato al comunicato ufficiale

Un caro saluto a tutti Voi

LORETO GESUALDO
Presidente SIN

 

 

Share

Carissime Socie e Soci,
desidero portare alla vostra conoscenza la decisione presa da AIFA relativa alla rimborsabilità della terapia con Tolvaptan in alcuni fenotipi clinici di pazienti con ADPKD, pubblicata sulla GU n. 212 del 11 settembre 2017. Alla soddisfazione di poter disporre di questa terapia a carico del nostro SSN, nel quotidiano approccio clinico che tutti i nefrologi hanno nei confronti di questa malattia, a questo punto non più del tutto orfana, si aggiunge la constatazione del ruolo svolto dalla nostra Società nell’intero percorso autorizzativo. Infatti, la SIN è stata identificata come unico consulente scientifico da AIFA ed ha partecipato in prima persona a tutte le fasi del percorso, dalla elaborazione di un documento condiviso sulla terapia con Tolvaptan nei pazienti con ADPKD, alla discussione degli strumenti attuativi, in particolare della Scheda del Monitoraggio terapeutico.

Al seguente link il Documento condiviso SIN sull’impiego del Tolvaptan nei pazienti con Rene Policistico Autosomico Dominante (ADPKD).

 

Stefano Bianchi
Segretario SIN

Share

Il 20 settembre 2017 il Professor Claudio Ronco ha ricevuto la Laurea Honoris Causa presso l’Università di Patrasso (Grecia). La Scuola di Medicina del Peloponneso che fu di Esculapio.
Le più vive congratulazioni per la prestigiosa onorificenza ricevuta da una delle più importanti e affermate Università della Grecia.
E’ questo l’ennesimo apprezzamento per l’incessante lavoro, profuso con instancabile passione per promuovere la disciplina della Nefrologia.

Share

Roma, 20 settembre 2017

a tutti i Soci

con la presente, in occasione del Congresso Nazionale, è convocata l’Assemblea Ordinaria dei Soci della “Società Italiana di Nefrologia – SIN” per il giorno 5 ottobre 2017, alle ore 7.00 in prima convocazione e occorrendo, in seconda convocazione

VENERDI’ 6 ottobre 2017
alle ore 18.00
presso Palacongressi di Rimini – Sala del Tempio
Via della Fiera n. 23 – 47923 RIMINI

per discutere e deliberare sul seguente

ORDINE DEL GIORNO

  1. Comunicazioni del Presidente sull’attività svolta;
  2. Relazione del Presidente del Comitato Scientifico (F. Scolari);
  3. Relazione del Presidente FIR Onlus (A. Balducci);
  4. Relazione Editor in Chief JN (G. Gambaro);
  5. Relazione Editor in Chief GIN (B. Di Iorio);
  6. Premiazione migliori abstract e National Grant ERA-EDTA;
  7. Approvazione del Bilancio consuntivo 2016 e di quello preventivo 2017;
  8. Ratifica dei risultati delle elezioni del Presidente incoming e per il rinnovo dei Consiglieri SIN e proclamazione degli eletti
  9. Saluto ai Consiglieri SIN uscenti
  10. Varie ed eventuali

 

Loreto Gesualdo
Presidente della Società Italiana di Nefrologia

Share

A tutti i Soci

con la presente, in occasione del Congresso Nazionale, è convocata l’Assemblea Straordinaria dei Soci della “Società Italiana di Nefrologia – SIN” per il giorno 4 ottobre 2017, alle ore 7.00 in prima convocazione e occorrendo,
in seconda convocazione

GIOVEDI’ 5 ottobre 2017
alle ore 18.00
presso Palacongressi di Rimini – Sala del Tempio
Via della Fiera n. 23 – 47923 RIMINI

per discutere e deliberare sul seguente

ORDINE DEL GIORNO

  1. Approvazione del progetto di modifica dello Statuto dell’Associazione

Loreto Gesualdo
Presidente della Società Italiana di Nefrologia

 

Share

Il professor Quirino Maggiore ci ha lasciato il 2 Settembre. Egli è stato un maestro nel senso più alto del termine ed ha segnato la cultura e i comportamenti dei suoi tanti collaboratori, quorum ego. Qui ricordo alcuni tratti del suo essere medico, investigatore clinico e uomo.

Il prof. Maggiore era un internista a tutto tondo e un diagnosta formidabile. La discussione di casi clinici al letto del malato o nelle riunioni cliniche dello staff erano con Lui un esercizio intellettuale rigoroso che richiedeva valutazioni a 360° delle ipotesi alternative possibili. Negli anni’70 la diagnosi non era basata su un approccio probabilistico granulare, come oggi è possibile, ma Egli non concedeva nulla all’approssimazione e alle deduzioni semplicistiche. Il suo esercizio diagnostico era già allora intrinsecamente Bayesiano. Rigore di metodo clinico a parte, il suo insight nel sospettare la malattia e nel confermarla era formidabile ben al di là degli algoritmi. Ricordo vari casi nei quali, senza alcuna evidenza positiva della malattia che sospettava, il suo acume e la sua capacità di contestualizzare il quadro clinico lo inducevano ad andar oltre le apparenze e ad anticipare i test diagnostici definitivi che potevano sembrare non giustificati dai dati clinici disponibili.    

Al di là della Scuola Pisana, l’asse della sua formazione metodologica di ricercatore era anglo-sassone e si era coagulata durante una fellowship a Londra nella Liver Unit del Royal Free Hospital diretta da uno dei più grandi ricercatori clinici britannici degli anni ’60,   Shiela Sherlock. Lì aveva incontrato Stanley Shaldon dal quale era stato influenzato sia circa le idee per sviluppare l’emodialisi cronica che sulla necessità di un approccio franco e diretto al dibattito scientifico. Dalla fellowship a Londra aveva avuto l’inprinting alla discussione   scientifica trasparente, serrata, senza concessioni al compromesso. I suoi interventi congressuali erano sempre puntuali, acuti e, quando ne percepiva la necessità, incondizionatamente critici ma sempre rispettosi dell’interlocutore. I suoi interessi erano vasti e andavano dall’immunopatologia alla tecnologia dialitica. Come investigatore clinico era dotato di grande creatività.   L’intuizione di applicare uno stimolo ipotermico per aumentare la stabilità vascolare durante la dialisi, o il raffreddamento del plasma nel circuito extracorporeo per la rimozione degli immunocomplessi nella crioglobulinemia e la stessa formulazione della dieta ipoproteica rimangono tra le cose più innovative proposte nei primi tre decenni della storia della nefrologia moderna.

Il professor Maggiore era attento ai più deboli e non accettava compromessi di sorta in situazioni nella quali la protezione dei pazienti più gravi e fragili non veniva garantita a dovere. Nei primi anni ’80 si dimise dalla direzione della nefrologia di un grande ospedale in fase di sviluppo perché gli sembrava inaccettabile che lo stesso ospedale non avesse posto come prioritaria la realizzazione di un dipartimento di emergenza. Egli era un grande affabulatore e sentire   le sue storie di luoghi, persone e cose era un’esperienza coinvolgente. I membri del team   di Reggio Calabria hanno assorbito  dalla sua narrazione la storia ricca e appassionata della scuola medica Pisana, un’epopea accademica con eroi e comprimari,   successi e delusioni. Egli ha mantenuto negli anni un rapporto affettivo solido e caloroso con il suo staff. Ben al di là del contesto professionale, tra le tante cose che ha trasmesso a quelli che con Lui si sono formati credo che le più grandi siano il rispetto umano e l’onestà intellettuale e morale. Dal suo esempio abbiamo anche imparato che chiedere scusa quando si sbaglia è un imperativo per il vivere professionale e civile. A metà degli anni ’70 quando ancora la medicina italiana era ossificata in rapporti professionali di tipo baronale, non raramente Lui sapeva chiedere scusa ai suoi collaboratori più giovani anche per dissonanze minori.

Il professor Quirino Maggiore è parte della storia più nobile della nefrologia moderna. Mancherà   alla sua amata consorte Marta, a Elena, Giulia e Umberto, agli altri familiari e alla grande comunità nefrologica.

Share

Cara Socia e Caro Socio,

desidero comunicarti che in occasione del 58° Congresso della SIN che si terrà a Rimini nei giorni 4 – 7 ottobre si svolgeranno in data 5 ottobre alle ore 18.00 l’Assemblea Straordinaria dei Soci avente come tema una proposta di revisione dello Statuto ed il giorno 6 ottobre alle ore 18.00 l’Assemblea Ordinaria.

Il termine ultimo per esprimere il voto ai candidati alle varie cariche SIN risulta essere alle ore 12.00 del 6 ottobre 2017.

Stefano Bianchi
Segretario SIN

 

Share

Cara Socia Caro Socio,

sono aperte le votazioni del Consiglio Direttivo SIN E’ prevista la nomina del Presidente incoming e di n. 1  Consigliere eletto su base Nazionale e n. 2 Consiglieri eletti per Collegio Elettorale di cui:

  1. 1 Consigliere per il collegio n° 5 – (Puglia, Basilicata, Calabria)
  2. 1 Consigliere per il collegio n° 6 – (Campania, Sicilia)

Le votazioni sono aperte fino alle ore 12.00 del 6 ottobre 2017;

Puoi visualizzare i candidati e i loro programmi elettorali al seguente link.

Stefano Bianchi
Segretario SIN

 

Share

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi